Maschere della Sardegna - Bosa, Escursioni e Artigianato di Sardegna

Bosaweb portale della città di Bosa
Vai ai contenuti

Menu principale:

Maschere della Sardegna

La Maschera della Sartiglia
La storia di questa maschera si perde nella notte dei tempi. Il fascino è nel suo mistero: è l´immagine di un mitico sacerdote nella profondità dello sguardo e nella sua misteriosa sacralità segnata da un cerimoniale di vestizione assai rigoroso dove nessuna mano osa sfiorarla, se non quella delle fanciulle che sovraintendono sull´altare al rito purificatore prima che il nobile cavaliere, che si appresta ad indossarla, compia il torneo. Un tempo la maschera aveva il colore della terra, o era verde come quello dei prati,
segnando, in questo, gli aspetti diversi del mondo agricolo dalla semina alla germinazione. Solo più tardi ha assunto un colore pallido, primaverile, quasi femmineo. Ma il suo cavaliere che la indossa è baldo e coraggioso, impugna la spada e lo stocco, corre veloce come il vento per esorcizzare nel suo straordinario torneo e sollecitare nel contempo le forze misteriose della natura: il risveglio dei campi dopo l´onda fecondatrice del Tirso. Questa maschera è anche la storia del glorioso Giudicato d´Arborea. È l´eco delle Crociate,
è un frammento di storia mediterranea".

La Maschera dei Mamuthones di Mammoiada
I "mamuthones" sono maschere orride scolpite nel legno con abile maestria, frutto di una scuola arcaica che sopravvive. Forse appartengono alla storia prenuragica , ma nelle aggiunte coreografìche (con gli issakadores") del loro straordinario teatro, ora carnevalesco, si avvertono i momenti infausti vissuti nella storia dal fiero popolo barbaricino. I "mamuthones" hanno l´abbigliamento semplice una ´mastruca" con pelle di montone dalla lana ruvida e con sopra pesanti campanacci che gli attori improvvisati scuotono a colpi di spalla ed emettono un suono ritmato, quasi un tonfo per scuotere le cavità della terra ed allontanare dal contado e dalla vita dei pascoli le insidie dei demoni del male

La Maschera dei Boes e Merdules di Ottana
Queste maschere rivelano storicamente il profondo attaccamento dell´uomo nuragico alla vita pastorale, ma anche l´amore agli animali del bosco. Sia l´intaglio originalissimo nella raffigurazione attenta ed essenziale dei diversi animali (merdules/baccas/chervos/porcos,molentes) che l´accurata, preziosissima e sobria decorazione, rievocano i momenti fecondi della lontanissima arte decorativa nuragica, ma anche il culto radicato dell´accoppiamento magico con le divinità astrali. Non a caso nelle tombe rupestri di questa arcaica Civiltà appaiono frequenti raffigurazioni del toro, del cervo, del sole e della luna".


Sartiglia  gremio contadini

Sartiglia gremio contadini

Misure: 18x13 colore bianco

104,00 € Aggiungi
Sartiglia  gremio artigiani

Sartiglia gremio artigiani

Misure: 18x13 colore pelle

104,00 € Aggiungi
Boes grande

Boes grande

Misure: 53x26

145,00 € Aggiungi
Boes Taurino grande

Boes Taurino grande

Misure: 53x26

155,00 € Aggiungi
Boes Medio

Boes Medio

Misure: 32x12

56,00 € Aggiungi
Boes piccolo

Boes piccolo

Misure: 20x6

23,90 € Aggiungi

Per  maggiori informazioni chiama i numeri
   (+39) 0785-374258   (+39) 348-1544724  
o scrivi un e-mail a info@bosaweb.it
servizi per il Turismo Culturale e Ambientale
 Bosa  (Sardegna)
indicando nome cognome e n° di Telefono

per informazioni 0785 374258 cell. 348 1544724 Copyright bosaweb 2006/2017 by Esedrasardegna corso Vitt. Emanuele, 64 - Bosa - P. Iva 01255290916

Torna ai contenuti | Torna al menu